La nostra storia

• La compagnia nasce a Milano nel 2008, inizialmente con la direzione artistica di Mamadou Dioume e, dal 2014, di Ruggero Caverni e Giulia Salis.
• Sin dai primi anni organizza stage e percorsi di formazione con maestri delle arti performative dal vivo: Mamadou Dioume, Ian Magilton del Roy Art Theatre (voce – Francia), Anita Daulne (canto polifonico – Belgio/Congo), Kossi Efoui (drammaturgia – Francia/Togo), Giulio Berutto (musica per la scena – Italia).
• Al culmine di queste esperienze realizza, con il contributo di Fondazione Cariplo, il progetto “Carrefour-Un crocevia di esperienze”, residenza internazionale di drammaturgia e creazione teatrale, che porta alla messa in scena di dieci corti teatrali inediti al Teatro Elfo Puccini di Milano.
• I primi spettacoli prodotti indagano le origini della cultura teatrale occidentale concentrandosi sulla tragedia greca: Baccanti, Antigone e Prometeo. Tutte e tre le produzioni sono affiancate da progetti di ricerca con ragazzi adolescenti (Liceo Cremona di Milano e Corso adolescenti del Teatro Officina di Milano). Non mancano parallelamente esperienze di caffè-teatro con la rassegna SKECCIA! organizzata al Circolo Cicco Simonetta di Milano e di teatro-ragazzi grazie alla stretta collaborazione con il Teatro Trebbo di Milano.
• Negli ultimi anni si è poi sviluppato un percorso attorno alla figura di Aristofane e alla commedia che ha portato all’incontro con la Commedia dell’arte, l’uso e la creazione della maschera. Questa esperienza ha permesso la nascita della collaborazione con Le officine creative Zorba e ha siglato il sodalizio artistico con il maestro Carlo Boso.
• Tra le ultime produzioni: Gli Uccelli e Le Nuvole di Aristofane (riadattamenti del testo classico con uno punto di vista attuale), Cassandra (oratorio teatrale/drammaturgia originale). La compagnia produce inoltre spettacoli musicali: Allo specchio con Gaber (spettacolo di teatro-canzone) e Il coltello dei pensieri (concerto di musica e poesia di e con Francesco Forges).
• Nel frattempo organizza e conduce un laboratorio di teatro per non professionisti nel quartiere di Baggio a Milano. L’esperienza, che si rinnova per sette anni, porta alla nascita spontanea di un gruppo di teatro amatoriale, parallelo alla compagnia, che promuove nel territorio il teatro e la cultura, con particolare attenzione ai bambini e all’integrazione multiculturale.